Innovazione

Il Gruppo Generali crede nell'innovazione come driver per sostenere nel tempo il vantaggio competitivo del brand; perciò ha sempre posto l'innovazione al centro di tutti i suoi sforzi di sviluppo e si è impegnato a creare e promuovere una vera cultura dell'innovazione al proprio interno.

Un ruolo attivo nella conduzione di questo compito è affidato al Central Innovation Team (CIT). Si tratta di un gruppo di consulenti interni che si dedicano appunto all'innovazione e forniscono strumenti a sostegno di una struttura cliente-centrica al fine di facilitare la condivisione della conoscenza in tutto il Gruppo e gestire un portafoglio di progetti di innovazione strategici, globali e di lungo termine, che consentano di migliorare continuamente la posizione competitiva del Gruppo.

L'innovazione viene dunque gestita attraverso il knowledge sharing, inteso come condivisione della conoscenza su prodotti, modelli di business, servizi e processi innovativi già presenti sul mercato o nelle società del Gruppo, e la customer centricity, volta al riconoscimento dei bisogni espressi o latenti dei clienti e, attraverso i loro stimoli, allo sviluppo di idee di soluzioni assicurativo-finanziarie che soddisfino in modo nuovo queste necessità e differenzino pertanto il Gruppo sul mercato. Si tratta di attività propedeutiche all'analisi di fattibilità e alla vera e propria implementazione dei concept emersi, che si tradurranno dapprima in un progetto pilota e successivamente in progetti operativi declinabili nelle diverse realtà in cui il Gruppo Generali opera. L'approccio all'innovazione prevede infatti una prima fase durante la quale le idee più innovative e promettenti vengono testate. Gli effetti di tale metodo di lavoro sono duplici: è possibile, da un lato, contenere notevolmente gli investimenti, limitandoli al prototipo nel caso in cui il test dia un esito negativo, e, dall'altro, sviluppare e testare contemporaneamente un portafoglio bilanciato di soluzioni a basso investimento e di veloce realizzazione rispetto a idee innovative più sofisticate e con orizzonti temporali di medio-lungo periodo, accrescendo in questo modo le probabilità di successo.

Lo sviluppo e l'implementazione di idee innovative coinvolge numerosi dipendenti del Gruppo. Questi sono organizzati in team e seguono un programma di training on-the-job che li porta a lavorare su casi reali da lanciare sul mercato e non su delle simulazioni. Le loro capacità e competenze e, talvolta, la loro origine e cultura sono diverse: l'eterogeneità rappresenta un punto di forza, in quanto mette a confronto approcci e visioni differenti e richiede, al tempo stesso, un processo strutturato, che consenta ai partecipanti di interagire con un linguaggio comune e un metodo di lavoro condiviso e alle idee di nascere e svilupparsi in modo organico ed efficace.

Nel corso degli anni il Gruppo ha utilizzato diversi canali per la diffusione e promozione dell'innovazione al proprio interno: meeting tematici e gruppi di approfondimento si affiancano alle recenti iniziative di networking - consistenti nella realizzazione di un team site e di una e-zine (rivista elettronica) trimestrale completamente dedicati all'innovazione e usufruibili da tutti i dipendenti del Gruppo - in cui il livello di condivisione delle conoscenze e di collaborazione è risultato ben superiore. Ciascuno può infatti contribuire attivamente con articoli che raccontano le esperienze vissute e informano sui risultati ottenuti, stimolando così anche la creazione di nuove idee.

Le azioni messe in atto per raggiungere tale obiettivo si propongono di indagare il mercato in modo da individuare bisogni e aspettative di alcuni segmenti di clientela interessati a temi ambientali e sociali e fanno riferimento a specifici progetti descritti nel capitolo I Clienti, sezione Iniziative di customer centricity del presente documento. Al fine di far divenire l'innovazione una parte integrante del sistema produttivo del business, sono state recentemente introdotte nei business plan dei singoli Paesi e delle rispettive società alcune sezioni dedicate a progetti di innovazione identificati sulla base di criteri definiti e concordati a livello di Head Office. Questo ha incoraggiato la realizzazione e lo sviluppo di un consistente portafoglio di progetti innovativi, che a partire dal 2013 consentirà una gestione efficace e diversificata del rischio generato dagli investimenti nell'innovazione stessa.